Ulmus degli inizi (detto S)

Argomenti contenenti immagini, storie di piante, dettagli evocativi o di ispirazione e che possano dare spunti o semplicemente piacere e dare emozioni positive
Regole del forum
Evitare contenuti coperti da copyright o che possano ledere i diritti riguardanti i contenuti intellettuali.
Rispondi
Avatar utente
Bonsandro
Messaggi: 132
Iscritto il: gio nov 25, 2021 11:51 pm
Località: Cadignano (BS)

Ulmus degli inizi (detto S)

Messaggio da leggere da Bonsandro » gio gen 13, 2022 10:44 pm

Come da titolo vi rendo partecipi di quello che è stato il mio iniziare a "far bonsai".
Dopo l'ennesima piantina regalataci (a me e a quella che sarebbe divenuta poi mia moglie), come bomboniera, ad un matrimonio nell'autunno 2012; decisi che avrei tentato di capire come farla sopravvivere.. Era però una Carmona e aimè di lì a pochi anni mi lasciò, la sua vita con me infatti, nonostante i buoni propositi, iniziò già male visto che mia madre la fece cadere dal davanzale su cui l'avevo messa poco dopo il suo arrivo a casa.
La mia povera mamma presa dal rimorso andò allora in un vivaio e mi prese un serpente tutto S di olmo cinese (PS che finalmente grazie a forcellone ho capito esser ulmus parvifolia e non zelkova come credevo).
Beh da lì partì veramente la bella malattia del bonsaista. Come ho detto nel post di presentazione ho vissuto in questi anni momenti di stanca, ho venduto le piante più belle mannaggia a me, ma questa pianta di valore economico zero è quella a cui sono forse più legato e che a sua volta mi lega a questo mondo speciale.
Questa stagione vegetativa la metterò in mini cassetta di legno per riprender vigoria e dovrò debellare i cattivissimi ragnetti rossi che me l'hanno invasa. Ma conto di ridarle le attenzioni che merita. Buon bonsai bella gente

[imglink=]
primavera 2015 143.jpg
[/imglink]

[imglink=]
scaricate 26-03-17 030.jpg
[/imglink]

[imglink=]
06-01-22 105.JPG
[/imglink]
0

Avatar utente
Forcellone
Messaggi: 1705
Iscritto il: ven ott 16, 2020 3:33 pm
Località: Pomezia Roma

Re: Ulmus degli inizi (detto S)

Messaggio da leggere da Forcellone » ven gen 14, 2022 8:43 am

Ciao, Bonsandro
Parliamo di una "comunissima pianta Bonsai commerciale", con la classica impostazione ad S che in tanti odiano.
Da quanto scrivi capisco ed apprezzo che stai "prendendo conoscenza" della situazione e soprattutto stai migliorando la coltivazione, si nota dai miglioramenti.
Che dire... bravo. Giustamente, con l'esperienza, i "modi" per migliorarla possono essere vari e anche migliori, ma interessa poco.

Immagino che dal "panico iniziale" di avere per le mani cose simili, ora riesci ad affrontare il tutto con più serenità senza tate preoccupazioni, l'importante è anche questo, e come vedi ci si affeziona.

Per il ragnetto acaro fai i trattamenti, anche preventivi, con questa essenza se non ci sono le giuste condizioni l'acaro è uno dei problemi ricorrenti.

Seguo. :wink:
0

Avatar utente
Psycho_alchemist
Moderatore
Messaggi: 4352
Iscritto il: mer mag 06, 2015 10:17 am
Località: Annone Brianza

Re: Ulmus degli inizi (detto S)

Messaggio da leggere da Psycho_alchemist » ven gen 14, 2022 9:34 am

Beh anche solo con gli anni di coltivazione sta perdendo quella impronta commerciale, bel percorso
0

Avatar utente
Forcellone
Messaggi: 1705
Iscritto il: ven ott 16, 2020 3:33 pm
Località: Pomezia Roma

Re: Ulmus degli inizi (detto S)

Messaggio da leggere da Forcellone » ven gen 14, 2022 10:09 am

Mi sono dimenticato di darti un consiglio su una piccola correzione che dovresti pensare di fare, se vuoi, se decidi la dovresti fare il prima possibile, in quanto in seguito ti sarà più difficile, ha un legno duro, ma credo che ancora non hai problemi a farlo.
La pianta da spoglia mostra un leggero sbilanciamento verso DX., dovresti piegate la parte alta dell'apice da circa la metà della sua altezza verso Sx., in questo modo dai più equilibrio al tutto, con le foglie forse si nota meno. E' solo un consiglio poi vedi tu con la pianta tra le mani e immaginati il tutto.
0

Avatar utente
Bonsandro
Messaggi: 132
Iscritto il: gio nov 25, 2021 11:51 pm
Località: Cadignano (BS)

Re: Ulmus degli inizi (detto S)

Messaggio da leggere da Bonsandro » ven gen 14, 2022 7:45 pm

Mi sono dimenticato di darti un consiglio su una piccola correzione che dovresti pensare di fare, se vuoi, se decidi la dovresti fare il prima possibile, in quanto in seguito ti sarà più difficile, ha un legno duro, ma credo che ancora non hai problemi a farlo.
La pianta da spoglia mostra un leggero sbilanciamento verso DX., dovresti piegate la parte alta dell'apice da circa la metà della sua altezza verso Sx., in questo modo dai più equilibrio al tutto, con le foglie forse si nota meno. E' solo un consiglio poi vedi tu con la pianta tra le mani e immaginati il tutto.

Consiglio recepito e sono perfettamente d'accordo.. vedrò magari se riesco con un tirante, come però hai ben capito qui gioca più l'affezzionamento e mi importa relativamente di toglierle quella natura commerciale. Certamente voglio farla star bene e godermela per quel che mi ricorda, in verità come altre piante legate a eventi di questi anni di vita che vi mostrerò.. :mrgreen:
0

Avatar utente
Bonsandro
Messaggi: 132
Iscritto il: gio nov 25, 2021 11:51 pm
Località: Cadignano (BS)

Re: Ulmus degli inizi (detto S)

Messaggio da leggere da Bonsandro » ven gen 14, 2022 7:50 pm

Beh anche solo con gli anni di coltivazione sta perdendo quella impronta commerciale, bel percorso
Grazie! Pianta robusta che ha tenuto botta ai miei errori e incuria degli ultimi anni, nonché al ragnetto che vedrò di ammazzare del tutto quest'anno.. per ora si è beccato una bella passata di olio bianco dopo spazzolata del tronco.. :)
0

Rispondi